1976 - 2021

Ottobre 1976: siamo stati tra i pionieri  della radiofonia privata creando una delle prime "radio libere" italiane (allora si chiamavavo così)
Settembre 1998: siamo stati i pionieri delle web tv, creando la prima web tv italiana, con contenuti interamente autoprodotti e di tipo educational
Gennaio 2021: a 45 anni di distanza dalle prime esperienze radiofoniche, torniamo a fare radio, questa volta sul web ma con la stessa passione di allora. Questa volta non siamo pionieri dal punto di vista tecnologico ma abbiamo messo insieme tutta l'esperienza maturata in questi anni per offrirvi un prodotto diverso.
Seguici e buon ascolto!

RRS971*

24/7 Of Fine Music & Free Speeches From The World

For Uncommon People Only

Radio RRS971*

connected with the world, connected with you, connects you with the world


Citizens Of The World

.

frammenti di un passato presente:  5 Dicembre
[...] Persino nell'autunno avanzato vidi, un anno (un 5 dicembre), ondulazioni sullo specchio, e pensando che improvvisamente stesse per mettersi a piovere fitto (dal momento che l'aria era piena di nebbia), mi affrettai a dare mano ai remi e a remare verso casa; già pareva che la pioggia stesse aumentando rapidamente, sebbene non me la sentissi sulle guance, e temevo che mi avrebbe inzuppato. Ma all'improvviso le ondulazioni cessarono perché erano prodotte dai pesci persici che il rumore dei miei remi aveva fatto fuggire in profondità, e riuscii a vedere i loro banchi via via sparire; così, dopo tutto, passai il pomeriggio all'asciutto. […] 
da: “Walden ovvero Vita nei boschi” di Henry D. Thoreau, 1854, traduzione di P. Sanavio, ed. Rizzoli, 1994

Con semplici parole “E così la stagione evolveva via via nell’estate, come uno che si addentri nell’erba alta. In questo modo finii il mio primo anno di vita nei boschi; e il secondo anno fu simile a questo. Alla fine lasciai il lago di Walden ed era il 6 settembre 1847.” si conclude il racconto dell'esperimento di vita nella natura condotto dell'autore. Con altrettanta semplicità, attraverso un altro passo del libro, può essere sintetizzato il senso di questa esperienza: “Andai nei boschi perché desideravo vivere con saggezza, per affrontare solo i fatti essenziali della vita, e per vedere se non fossi capace di imparare quanto essa aveva da insegnarmi e per non scoprire, in punto di morte, che non ero vissuto”.
Un esperimento pratico, economico, sociale e filosofico che costituisce tuttora la base “ideologica” dei movimenti ecologisti e di quanti aderiscono ai principi vegetariani e vegani: 2 anni e 2 giorni durante i quali Thoreau si ritira nei boschi vicini alla sua città di Concorde e che si affacciano sul lago Walden per vivere esclusivamente di ciò che la natura può offrire. La scelta di Thoreau, oltre ad avere contenuti pratici di immediato utilizzo acquisiti attraverso l’esperienza quotidiana, ha anche contenuti altamente simbolici, a cominciare dalla data di inizio: 4 luglio, l’anniversario della Declaration of Independence degli Stati Uniti diviene anche la sua dichiarazione di indipendenza da tutte quelle convenzioni, consuetudini e abitudini che fanno parte della vita sociale ma che dalla vita sociale sono state alterate al punto da alterare anche il rapporto dell'uomo con la natura e l'ambiente in cui vive. “Less is more” sembra essere la formula scoperta dall'autore, applicabile ad ogni ambito della vita: lavorare tanto per accumulare beni che dovrebbero renderci più liberi, ad esempio, oltre a danneggiare la natura, in realtà ci rende schiavi di un sistema distorto basato sul consumismo e sul profitto. Consumare meno significa, quindi, avere la necessità di lavorare di meno, preservare la natura e avere più tempo da dedicare a sé stessi per goderla. Se ciascuno vivesse con semplicità e si nutrisse soltanto del proprio raccolto, gli basterebbe un campo di pochi metri e non sarebbe legato a un bue o a un cavallo: “io non ero schiavo di una casa o di un campo”; “gli agricoltori danno al bestiame granoturco di propria produzione e nei negozi comprano farina di frumento di prima qualità a prezzo ben più alto e non necessariamente più sana”. Questi e altri principi fanno parte del volume, scritto in una prosa ottocentesca di non proprio agevole lettura ma che conferisce un fascino del tutto unico all’opera, costellata anche di suggestive descrizioni delle sue osservazioni naturalistiche, riferimenti filosofici e mitologici.

.[Questo libro è stato selezionato per voi  e presentato da Luigi Proietti & A.I. Hally  - © Radio RRS971*]

Fai di questo giorno un giorno diverso

inizia a leggere un libro con la musica di Radio RRS971 in sottofondo! 

On Air Now!

Radio RRS971* - Just The Right Music For A Lazy Day In Autumn


The Soft-Music Machine by Radio RRS971
broadcasted by
THEA & IGNASI from L'Estartit (CAT – ESP)


Radio RRS971* - Find Your Joy With The Exclusive Soundtrack Of Your Day

Coming Soon !

FRAMMENTI DI STORIE VERTICALI
Le storie della storia dell'alpinismo

WHEN IN ROME: eventi selezionati per voi da Radio RRS971*

Yoan Kapote - Elegy

fino al 3 Dicembre 2022 - Galleria Continua


Crazy - la follia nell'arte contemporanea
fino all'8 gennaio 2023 - Chiostro del Bramante


Frammenti: il Teorema di Pasolini nelle immagini di Laurent Fiévet
fino all’ 8 Gennaio 2023 - Foro Romano e Palatino

Armonie di pietra. Il paesaggio delle Marche nelle sculture di Giuliano Giuliani
fino all’ 8 Gennaio 2023 - Foro Romano e Palatino

Roma medievale. Il volto perduto della città
fino al 5 Febbraio 2023 - Museo di Roma Palazzo Braschi

Pier Paolo Pasolini - Tutto è Santo. Il corpo veggente
fino al 12 Febbraio 2023 - Galleria Nazionale d'Arte Antica in Palazzo Barberini

Pier Paolo Pasolini. Tutto è santo. Il corpo poetico
fino al 26 Febbraio 2023 - Palazzo delle Esposizioni

Pier Paolo Pasolini - Tutto è Santo. Il Corpo Politico
fino al 12 Marzo 2023 - MAXXI - Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo

Viaggio in Italia XXI – Lo sguardo sull’altro
fino al 9 Aprile 2023 - Casa di Goethe

Pasolini pittore
fino al 16 Aprile 2023 - Galleria d'Arte Moderna di Roma Capitale
Logo Radio Radio Roma Sperimentale 97.1 MHz (1976)

RRS971* - how all started:
file rouge 1976-2021
(and beyond)

OTTOBRE 1976. RRS-Radio Roma Sperimentale 97,1 MHz nasce nell’ottobre del 1976 ed è, quindi, una delle prime “radio libere” italiane (allora si chiamavano così) ed è la seconda emittente nata nella Capitale. L’aggettivo stesso “sperimentale”, parte integrante della denominazione, caratterizzava l’innovatività e il carattere pioneristico (e anche un po' "piratesco") dell’iniziativa ideata da Luigi Proietti e portata a compimento grazie alla collaborazione preziosa di Maurizio Monciotti e di un gruppo di giovanissimmi studenti dell’Istituto tecnico per le Telecomunicazioni e l’Energia Nucleare “Enrico Fermi” di Roma, ai quali si sono poi unite altre amiche ed altri amici, nonché altri amici delle amiche e amiche degli amici, fidanzate e fidanzati in composizioni variabili come in una commedia di Feydeau, curiosi, passanti, etc. Insomma, l'età era quella che era e i tempi anche. Del resto, c'era molto da fare e c'era spazio per chiunque sapesse fare qualcosa di utile. Poi interviene la selezione naturale che fa sì che rimangano solo i più competenti. E il gioco cambia e si fa serio. Ma, come tutte le cose della Vita, neanche quell'esperienza, meravigliosa e formativa, aveva il crisma dell'eternità.
GENNAIO 2021. A distanza di 45 anni dalla sua nascita, Radio Roma Sperimentale 97,1 MHz torna a far sentire la propria voce e la propria musica, con l’iconica denominazione contratta in RRS971*. Questa volta non ci sono più trasmettitori e amplificatori valvolari, antenne in cima a palazzi da orientare verso ripetitori che irradiavano un segnale che, seppure potente, raggiungeva pur sempre un ambito locale; non ci sono più mixer analogici, piatti Lenco e Thorens sui quali giravano LP e 45 giri fruscianti dalle copertine artistiche variopinte, magnetofoni, stereo8 e musicassette con nastri aggrovigliati da riparare al volo con la Bic e lo Scotch mentre si parla al microfono. Questa volta si trasmette sul web attraverso la rete Internet e la platea è tutto il mondo.   segue >>>

last but not least...

non siamo una radio commerciale: trasmettiamo (bellissima) musica “royalty free” sotto licenza CC (Creative Commons) e non trasmettiamo pubblicità.
Pertanto, non profiliamo le vostre visite sul nostro sito perché teniamo alla privacy degli altri così come teniamo alla nostra.

Che ci seguiate per un minuto o per sempre, siete sempre e comunque benvenuti!

ottobre 1976: RRS 97,1 MHz

gennaio 2021: RadioRRS971.online

vedo RadioRRS971* nel tuo futuro

Contacts


Contact us by Telegram:  https://t.me/ContactTheStaff

contact us by e-mail

I tuoi dati verranno utilizzati esclusivamente per rispondere alle tue richieste e fornirti informazioni
e non saranno ceduti ad alcuno.
<< torna a inizio pagina